New EconomySettore GiochiTop News

Giochi pubblici: il decreto legislativo rivoluzionario si concretizzerà entro il 30 aprile

Il decreto legislativo volto a riordinare il settore e a regolamentare la presenza delle slot per far sì che siano tutte collegate al sistema remoto, si concretizzerà entro il 30 aprile. Le Regioni però, non sono ancora pronte e chiedono altro tempo.

Il governo ha già preparato il testo per il riordino del settore dei giochi che previsto nella legge di stabilità del 2017 dovrebbe concretizzarsi in un decreto legislativo entro il 30 aprile. Il testo andrà ad incidere anche sulle slot disseminate sul territorio nazionale nei bar, nei tabacchi e negli appositi locali di gioco. La Conferenza delle Regioni e gli Enti locali, però, temporeggiano per apportare alcune modifiche.

Il governo non farà mai un provvedimento di riordino del settore giochi senza il coinvolgimento degli enti locali”, ha dichiarato il sottosegretario all’Economia, con delega ai giochi, Pier Paolo Baretta, durante la Conferenza unificata, “ma sono fiducioso che il rinvio richiesto servirà agli approfondimenti conclusivi”.

Il valore della proposta sta nella riduzione evidente e misurabile dell’offerta di gioco e di un’equilibrata distruzione del territorio (-30% parco macchine e -50% punti gioco). Ciò comporta un impatto positivo soprattutto nel contrasto e nella lotta al gioco d’azzardo patologico“.

L’obiettivo prioritario è regolamentare la presenza di slot e sale e fare in modo che le prime siano collegate tutte al sistema remoto. Inoltre, operare una drastica riduzione, prevedere orari di apertura e spazi appositi, e contrastare un fenomeno emergente: le slot non controllate dal sistema remoto si stanno convertendo in piccole lavatrici di denaro sporco. Un altro obiettivo è rendere più trasparente il settore e combattere la ludopatia, ma sussiste un vincolo: non compromettere le casse dello Stato. Lo scorso anno il settore ha garantito entrate pari a 10,5 miliardi: di questi, 5,8, provenienti proprio dalle macchinette.

APPROFONDIMENTI  Cinque cose essenziali da sapere sui robo advisor

Awp e slot, andrebbero ridotte già a fine 2017 del 30%

Allo scopo di rendere credibili questi obiettivi proponiamo di anticipare (con un emendamento alla legge di bilancio) al 31 dicembre 2017 la prevista riduzione di almeno il 30% delle Awp, a partire dai generalisti secondari e dai bar e dai tabacchi, con criteri dimensionali relativi alla superficie dei locali da definire con decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze entro il 28 febbraio 2017”.

Attualmente se ne contano circa 450mila, ma entro il 2020, come conseguenza dei provvedimenti governativi, dovrebbero scendere a 260mila. Quelle rimaste in circolazione dovranno essere tutte collegate al sistema remoto, cosa che attualmente non accade. Si prevede inoltre, in tempi non ancora stabiliti, di arrivare alla loro definitiva sparizione sia dai bar che dai tabacchi. Intanto entro la fine dell’anno verranno bandite da alberghi, edicole, esercizi commerciali, stabilimenti balneari ecc.

Limiti anche per le sale e punti gioco

I punti vendita in cui potranno essere presenti le AWP, rispetto agli attuali 98.600 ca, verranno distribuiti come segue:
un numero massimo di 18.000 ca sale e punti gioco, rispetto ai 29.600 attuali, (con una effettiva riduzione di oltre 10.000 punti vendita ca), così articolati:

  • 10.000 agenzie o negozi aventi come attività prevalente la vendita di prodotti di gioco pubblici (come previsto dalla legge di stabilità 2016),
  • 5.000 ca sale giochi,
  • 3.000 ca sale VLT e Bingo.

La distribuzione territoriale dei punti gioco sul territorio nazionale verrà effettuata in proporzione al numero, alla densità e alla composizione anagrafica della popolazione di ciascuna Regione o area territorialmente individuata.
Inoltre, per accedere alle sale giochi bisognerà essere muniti di un documento di riconoscimento che permetterà di identificare le persone. Sarà inserito un sistema di tracciabilità di scommesse e vincite per rendere tutto trasparente e sarà prevista una video sorveglianza, collegata direttamente con l’Agenzia delle entrate e le forze dell’ordine. Anche Orari di apertura e chiusura e controlli saranno resi più chiari e più stringenti. verrà innalzato il Preu, ossia il prelievo erariale sulle vincite.

APPROFONDIMENTI  Casinò online: consigli utili per giocare online alle slot machine

Lotta alla ludopatia

Le nuove AWP da remoto mantengono le caratteristiche attuali di bassa giocata e bassa vincita escludendo, pertanto, la possibilità di utilizzare banconote o qualsiasi altra forma di moneta elettronica. Contengono inoltre nuovi interventi tecnologici a salvaguardia del giocatore e di prevenzione e contrasto agli effetti della ludopatia, tra cui:

  • Strumenti di autolimitazione in termini di tempo e di spesa;
  • Messaggi automatici durante il gioco che evidenziano la durata dello stesso;
  • Abbassamento degli importi minimi delle giocate.
  • La pubblicità legata a giochi e scommesse sarà destinata a diminuire e subire limitazioni.

Verrà assicurato un costante monitoraggio dell’applicazione della riforma. Del monitoraggio si occuperà l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli avvalendosi del partner tecnologico Sogei. Al Ministero dell’Economia e delle Finanze spetterà riferire periodicamente sui risultati del monitoraggio alla Conferenza Unificata che potrà decidere di consultare esperti ed istituti specializzati.

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *