Tech & InnovationTop News

Tecnologia, ecco le app più scaricate nel 2016

Il 2016 è terminato da poco più di un mese. Visto che è oramai chiaro che viviamo in un mondo prettamente tecnologico, è logico e normale chiedersi quali siano state le applicazioni più scaricate nell’anno che si è appena concluso. Non vi è alcun dubbio che a dominare sono state le app messaggistiche, come Whatsapp, Messenger, Snapchat e Telegram. Da non dimenticare nemmeno i ben noti social come Facebook, Twitter e Instagram. Un ruolo importante però ha svolto anche YouTube, che è stata la seconda applicazione più utilizzata dopo Facebook. 134,8 milioni di utenti attivi solo nei primi sei mesi dell’anno. Una cifra davvero da capogiro. D’altronde ogni momento è davvero buono per vedere un video.

Non ci si può però dimenticare che il 2016 è stato l’anno dell’esplosione e del boom di Pokemon Go, il videogioco basato, come si evince dal nome, sul mondo dei Pokemon. Si può tranquillamente dire che, aldilà di quello che si può pensare, la moda non è affatto passata, visto che ci sarà anche un evento dedicato a San Valentino. Continuando a parlare di giochi, non si può non sottolineare il successo di Slither.io, ossia un videogioco d’azione da giocare in modalità multigiocatore. Esso è disponibile sia su Ios che su Android e  siamo sicuri che continuerà a essere scaricato.

Film e musica. Se si parla di applicazioni non ci si può dimenticare di queste due tematiche. Ed ecco che vengono immediatamente in mente Spotify e Netflix. Va ricordato però che, nonostante gli ottimi e soddisfacenti risultati, questi due app prevedono un abbonamento al proprio interno. Ma, parlando di musica, si può citare anche Pandora Radio, che consente di creare delle vere e proprie stazioni personalizzate in base ai propri gusti e alle proprie preferenze. Insomma, c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Siamo sicuri che il 2017 sarà l’anno delle conferme, ma, allo stesso tempo, delle novità e delle sorprese.

APPROFONDIMENTI  Investire i propri soldi con il Fintech

 

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *